Colloquio sul microcredito in Ticino

Istituto di diritto

Data d'inizio:

Data di fine:

Notoriamente, il microcredito è nato grazie all'opera di Muhammad Yunus, professore di economia nel Bangladesh e Premio Nobel nel 2006, il quale, avendo constatato l'insuccesso dei progetti di sviluppo promossi dalle organizzazioni internazionali e l'inadeguatezza del sistema bancario tradizionale, decise di creare una "banca dei poveri", la Grameen Bank, fondata tra l'altro sul presupposto secondo il quale esigere una garanzia da chi è totalmente privo di mezzi è un controsenso. Il microcredito costituisce una sorta di rivoluzione copernicana per rapporto d'un lato alla prassi del sistema bancario e, d'altro lato, al modello tradizionale di Stato assistenziale, la cui crisi emergente e ormai conclamata è ingenerata sia dalle crescenti difficoltà economiche degli enti pubblici, sia dalla passivizzazione sovente perfino patogena che produce sui beneficiari della prestazione assistenziale. Il microcredito, invece, è un vero e proprio strumento di creazione di nuova ricchezza, in quanto la sua caratteristica peculiare è costituita dal conferimento di mezzi materiali e di competenze volti a sviluppare nei singoli destinatari, privi originariamente di qualsiasi risorsa materiale, una nuova capacità imprenditoriale. Questo modello, riconosciuto e promosso anche dalle Nazioni Unite, è stato recepito, in varie forme, in tutto il mondo e anche in Ticino. Il convegno ha lo scopo di presentare, in chiave interdisciplinare, le caratteristiche e la necessità del microcredito, nonché le modalità della sua attuazione in Ticino.

Relatori

Marco Borghi
Professore nelle Università della Svizzera italiana e di Friborgo

Graziano Martignoni
Professore SUPSI e docente nell'Università di Friborgo

Arnoldo Coduri
Direttore della Divisione dell'economia del Cantone Ticino

Maurizio Botti e Sergio Nizzoli
Rappresentanti di AMISI (Associazione Microcredito Svizzera italiana)

Daniele Er
Un beneficiario

A seguire tavola rotonda moderata da Mario Tettamanti, giornalista economico del Corriere del Ticino.

Il convegno è organizzato dall'Istituto di diritto dell'Università della Svizzera italiana (IDUSI).

Per maggiori informazioni contattare Federica De Rossa Gisimundo a federica.derossa@lu.unisi.ch