Narrazione, dialogo e giustizia riparativa

Le professoresse Annamaria Astrologo (sin.) e Sara Greco
Le professoresse Annamaria Astrologo (sin.) e Sara Greco

Servizio comunicazione istituzionale

3 Gennaio 2022

Nel XVIII secolo Cesare Beccaria, il grande pensatore italiano dell'Illuminismo, stabilì che lo scopo della punizione di un atto criminale non è la vendetta, bensì quello di creare una società migliore. Oggi, di fronte a certi crimini, a volte proviamo un senso di impotenza, e così cerchiamo di reagire, magari emotivamente, invocando la giustizia e chiedendo che l'autore venga punito, senza ulteriori indagini sulla sua colpevolezza. Tuttavia, questa richiesta di punizione non considera i reali bisogni della vittima che, dietro un'apparente richiesta di vendetta, potrebbe cercare molto di più o addirittura qualcos'altro. Quindi, quando si parla di giustizia penale e di rispetto della dignità umana, possiamo - e probabilmente dovremmo - rileggere le illuminate parole di Beccaria. Oppure, potremmo anche esplorare la più moderna teoria della giustizia riparativa (restorative justice, RJ) che, in poche parole, è un approccio alla giustizia che guarda al futuro, non al passato, concentrandosi su ciò che deve essere guarito, ciò che deve essere ripagato, ciò che deve essere imparato da un crimine.

Il dibattito intorno alla RJ in Svizzera è attualmente in corso attraverso lo Swiss RJ Forum, che ha recentemente raggiunto l'area di lingua italiana con la creazione di un sezione ticinese, coordinato dalla professoressa dell'USI Annamaria Astrologo. "L'obiettivo della giustizia riparativa è infatti quello di riconoscere tutte le parti coinvolte nel reato: l'autore, la vittima, eventualmente le loro famiglie e le comunità per ricomporre il conflitto tra loro. L'idea stessa di ricomposizione si oppone al crimine commesso. Parlare di giustizia riparativa richiede coraggio perché è un'idea ambiziosa di giustizia che mette al centro la persona e ha tra i suoi valori fondanti i concetti chiave di considerazione, ascolto e rispetto dell'altro. In questo senso, possiamo forse intendere questa visione della giustizia come quella che da mera concezione della giustizia si converte in un approccio (generico) di gestione del disaccordo o in un vero e proprio metodo interrelazionale. La cultura riparativa può, infatti, gettare luce su diversi ambiti: il lavoro, l'educazione, il sociale, che sono tutti ambiti in cui gli elementi essenziali sopra descritti diventano strumenti operativi per attuare strategie di prevenzione e/o di intervento nei casi di controversia". 

Per introdurre il tema della RJ in modo non solo teorico ma anche esperienziale, l'Università della Svizzera italiana, insieme all'Ufficio di assistenza riabilitativa del Canton Ticino, ha ideato un corso innovativo, nell'ambito dei suoi programmi di formazione continua, rivolto ai detenuti della sezione aperta del carcere incentrato sui concetti di identità narrativa e dialogo. L'identità narrativa implica che gli individui si formino un'identità integrando le loro esperienze di vita in una storia di sé interiorizzata e in evoluzione che fornisce all'individuo un senso di unità e uno scopo nella vita. Affinché le rispettive narrazioni siano ascoltate e comprese, devono essere incluse in un processo di dialogo critico e aperto (argomentativo). Il corso di tre giorni, svoltosi al campus dell'USI di Lugano durante il mese di agosto 2021, ha visto un piccolo gruppo di detenuti frequentare le lezioni per imparare e lavorare in gruppo su temi come la mediazione, la riconciliazione, il dialogo e, naturalmente, la RJ. Responsabili del corso le professoresse Annamaria Astrologo e Sara Greco, assieme ad altri colleghi che hanno collaborato all'organizzazione dei corsi. La Prof.ssa Sara Greco ci illustra gli approcci pedagogici e le esperienze raccolte durante e dopo l'evento.

"Il corso era strutturato in due parti, teoria e pratica - proprio come un qualsiasi corso universitario. È iniziato con un'introduzione sulla teoria del dialogo argomentativo e la costruzione di spazi di dialogo, portando a laboratori durante i quali i partecipanti hanno applicato ciò che hanno imparato. Il corso è stato intensivo - tre giorni interi di attività in classe - ma anche intenso, con emozioni e situazioni personali esposte e discusse. L'obiettivo principale del corso era quello di promuovere una cultura della riparazione, che può essere fatto solo attraverso il dialogo, spiegando ciò che non è esplicito nel contesto, ovvero le ragioni e le emozioni. In un certo senso, le parole sono essenzialmente tutto ciò che abbiamo per superare un conflitto. Alla fine dei tre giorni, gli studenti hanno imparato alcuni principi di base del dialogo, come fare domande che non siano né offensive né retoriche (permettendo così una conversazione aperta) e come ascoltare la prospettiva dell'altro. Anche se pensato specificamente per questo pubblico, è un corso che chiunque può frequentare. L'idea, infatti, non è stata quella di discutere i temi legati al crimine e alla giustizia, ma i conflitti che possono verificarsi nell'esperienza di chiunque. Questo è importante nell'accompagnare i nostri studenti a rientrare nella società. Infatti, la gestione dei conflitti attraverso la costruzione di spazi di dialogo è particolarmente utile quando ci si trova ad affrontare la vita quotidiana".

L'intervista completa pubblicata da Ticino Welcome n.72 (pp. 42-44) è disponibile in allegato (in inglese).